Print this page

Democracy A.D. al Litta - The demoshow must go on

Written by  19 Apr 2010
Published in Teatro
Read 5883 times
Lo "spettacolo della democrazia che fa spettacolo" va in scena al teatro milanese dal 20 aprile al 2 maggio, nella forma di un happening teatrale a cura di Antonio Syxty e condotto dal giornalista Paolo Sciortino. Hic sunt leones.

--------------------------------------------------------------------------------

Giovanna Bertacchi è una donna del bresciano; una neomaschilista, ha nostalgia dell’uomo di una volta, è per un revisionismo storico del femminismo. Il suo movimento si chiama Famiglia e Progresso e propone uno stipendio famigliare da 1000 euro per le madri di famiglia.


Guillermo Avilar Saroyan De Mayo è in tournée globale per presentare il suo movimento ecumenico Mondo Aperto. Lui è convinto che la battaglia del futuro non sarà più per il posto di lavoro, ma per il diritto a non lavorare. È per l’abolizione del lavoro.


Alessandro Zibellini viene dalla Toscana, è un giustizialista estremo, fondatore di Ordine e Giustizia, vuole la pena di morte. Una personalità sofferta, un uomo che ha fatto della giustizia il suo ordine di vita dopo un’esperienza molto dolorosa.

articles4_democracy ad-3 candidati.jpg

Sono i profili dei tre candidati immaginari (nella foto di scena qui a destra), che si contendono il nostro plebiscito solo (fortunatamente, ma per quanto?!) dal palco del Teatro Litta di Milano: la nuova produzione, diretta da Antonio Syxty, è infatti un happening che usa il teatro come contenitore, come piattaforma per esibirsi in quello che può essere definito Lo Spettacolo della democrazia ovvero La democrazia che fa spettacolo.

Democracy è un test di gradimento per il pubblico/elettore riguardo a proposte innovative della politica italiana. Il pubblico è invitato a votare la sua preferenza perché proprio tramite la votazione può esprimere il proprio assenso o dissenso

Sulla scena del Teatro Litta si presentano quindi i tre aspiranti leader politici di altrettanti movimenti che hanno debuttato sul web in quest’ultimo periodo con le loro agghiaccianti proposte "originali e innovative" rispetto al dibattito politico attuale.

Democracy è una palestra perché è il primo talent show della politica in teatro, un contenitore spettacolare di prove per il debutto e per la presentazione pubblica di nuove personalità della politica. Lo staff di Democracy ha cercato questi potenziali candidati e li ha addestrati perché potessero presentare al pubblico le proprie istanze.

Il curatore del progetto Antonio Syxty e il giornalista Paolo Sciortino che conduce nello pseudonimo di Nino Santantuono hanno intercettato queste figure nuove della politica e hanno proposto loro lo spazio scenico di Democracy per presentarsi partecipando così all’esperimento di comunicazione che sta alla base dell’happening.
Democracy è strutturato come un talk show televisivo, diretto e condotto da un giornalista.

Democracy è un circo perchè la democrazia è spettacolo.
Democracy è un’arena perchè i candidati si cimentano nel confronto tra di loro e con il pubblico.

Democracy A.D. [Democracy Anno Domini] sarà al Teatro Litta dal 20 aprile al 2 maggio 2010. Siòre e siòri, fate il vostro gioco: come dice un "Santantuono" del circo televisivo (quello vero, cioè televisivo, cioè vero...), lo show può cominciare.

Last modified on Monday, 19 April 2010 17:33
Rate this item
(0 votes)
Super User

Lo staff posthuman!

Website: www.posthuman.it
Website Security Test