Print this page

Il teschio di Hirst a Palazzo Vecchio

Written by  04 Dec 2010
Published in Notizie
Read 7335 times
La sfida del contemporaneo più irriverente nel santuario del Rinascimento? Alexandra Korey ci segnala la mostra fiorentina, Lukha Kremo Baroncinij ci offre una riflessione sull'opera e il discusso artista.

 



Tutti stanno parlando dell’arte a Firenze in questo momento perché è esposto un teschio… ma non un teschio qualsiasi: si tratta di uno particolare, ricoperto di diamanti.

For the Love of God di Hirst è un calco di platino di un teschio umano in scala reale tempestato di 8.601 diamanti al massimo grado di purezza o con pochissime imperfezioni, per un totale di 1.106,18 carati. Sulla fronte è incastonato un grande diamante rosa a forma di goccia anche noto come “la stella del teschio”. I denti sono stati ricavati da un cranio vero del Settecento acquistato da Hirst a Londra.

Il teschio viene esposto ora solo per la terza volta dalla sua creazione nel 2007. La prima è stata alla galleria Londinese White Cube, insieme ad altre opere dell’artista che insieme trasmettevano un messaggio di vanitas. Poi al Rijksmuseum di Amsterdam nel 2008.

A Palazzo Vecchio, invece, il contesto cambia il senso dell’opera. Vanitas, sì (anche troppo), oltre ad un messaggio per il rinnovo della città – lanciato dall’assessore Giuliano da Empoli che ci assicura che per la mostra lui non ha sborsato una lira.
Ma pensiamo anche allo spazio stesso della mostra – lo studiolo di Francesco I e una cameretta segreta di Cosimo I – luoghi che nel Cinquecento avrebbero ospitato oggetti di un valore e esclusività simile a quello di Hirst.

 

Alexandra Korey

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Fin qui il contributo di Alexandra. Ma la scelta di contestualizzare il provocatorio e già discussissimo artista inglese nell'ambientazione che specifica lei ci induce ad andare più a fondo, sia sul personaggio che sulla sua opera, così inestricabilmente legate in questa "società dello spettacolo".

articles5_copocchi.jpg

Per questo ospitiamo di seguito un contributo dell'amico Lukha Kremo Baroncinij: scrittore (Gli Occhi dell'Anti-dio), editore (con Kipple), performer, connettivista collaboratore di NeXt e... fine osservatore dell'arte contemporanea, come osserverete da voi continuando a leggere.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il calco di platino di For the Love of God di Hirst è tempestato - come si diceva - di 8.601 diamanti al massimo grado di purezza o con pochissime imperfezioni, per un totale di 1.106,18 carati. Sulla fronte è incastonato un grande diamante rosa a forma di goccia anche noto come “la stella del teschio”. I denti sono stati ricavati da un cranio vero del Settecento acquistato da Hirst a Londra.
“Tutti stanno parlando dell’arte a Firenze in questo momento perché è esposto un teschio…”.

Ma chi è Damien Hirst? Un affabulatore provocazionista che fa soldi a palate o un artista che sta gridando un messaggio che pochi capiscono?
Che tutti parlino del teschio non ce ne deve fregare niente, se vogliamo dare un senso al lavoro di Hirst. Non dobbiamo “parlare di”, “stupirci di”, “offenderci per”, dobbiamo pensare da soli, concentrati sull’opera stessa, senza fronzoli.
E allora, ci dispiace che Hirst ammazzi farfalle e sfrutti animali per le sue opere, ma vogliamo indignarci per un artista un po’ “toccato” o per i milioni di animali sfruttati e maltrattati quotidianamente dell’allevamento e gli altri innumerevoli solo per noia o divertimento, per non parlare dei bambini (di uomo)?
Piuttosto, cosa ha da dire veramente Hirst?

Secondo me è ossessionato dalla morte, ne ha paura, cerca di esorcizzare il proprio evento-morte trasferendolo sugli altri, come il più indifeso degli uomini. Il suo lavoro sarà inutile, credo, Hirst morirà come tutti gli altri, ma spero che questa sua ossessione si trasformi in un momento di riflessione per chi lo comprende.
Questo lo si capisce dal modo ossessivo in cui lavora, dai soggetti e da un innegabile senso di provocazione, spettacolarizzazione, segno di innegabile egocentrismo. Egocentrismo che noi utenti d’arte speriamo si stemperi col tempo.
Cosa che succede, secondo me, con questo For the Love of God. Sembra che Hirst abbia trovato una soluzione alla morte: Dio.

Ma, guardando il teschio diamantato dritto nelle orbite, c’è qualcosa di più profondo. La critica al mondo del lusso (“un diamante è per sempre”) è evidente, ma il teschio (i denti sono originali del Settecento) richiama soprattutto la riflessione sulla Vanitas umana tanto di moda in quel secolo, fa specie il contrasto tra la pietra preziosa più dura e antica della Terra (per nascere un diamante ha bisogno di 4 miliardi di anni, è su quegli strati così antichi della Terra che i cercatori di diamanti scavano) e la molliccia finitezza umana.
Non basteranno 4 miliardi di anni (e di dollari) a evitare la morte (quella di Hirst, la nostra e quella di chi si può comprare tutto).

La morte è parte integrante della vita, il suo culmine, e il diamante è la cristallizzazione dei nostri ideali di immortalità.
Quindi basta stupirci degli sghiribizzi di un artista impaurito della morte, aiutiamo Hirst a guarire cercando di riflettere sulla morte: l’unico vero motivo che può portarci a vivere una vita più “autentica”.


Lukha Kremo Baroncinij
kippleblog.blogspot.com


Damien Hirst, For the Love of God, rimane visibile fino al primo maggio 2011.
Approfondimenti in Inglese nell’articolo originale “Damien Hirst Palazzo Vecchio” su Tuscany Arts. Alexandra ci segnala che vale la pena un salto a Firenze, anche per la bellissima mostra di Bronzino che chiude il 23 Gennaio 2011.


Posthuman dà il benvenuto ad Alexandra e anche a una vecchia conoscenza come Kremo, che però non aveva mai scritto per noi. Ci auguriamo che entrambi tornino presto.

Last modified on Thursday, 06 January 2011 11:24
Rate this item
(0 votes)
Super User

Lo staff posthuman!

Website: www.posthuman.it
Website Security Test