Print this page

Lo sciacallo - flessibili finché sgorga il sangue

Written by  07 Nov 2014
Published in Cinema
Read 5795 times
Il debutto registico dello sceneggiatore Gilroy stritola gli ipocriti valori da business school del “cogliere ogni opportunità” nella morsa del cinico citizen journalism di cronaca nera. Gran prova di Jake Gyllenhall e Rene Russo.


“So che la cultura del lavoro dei giorni nostri non garantisce più l'affidabilità del posto di lavoro che poteva essere promessa alle generazioni precedenti. Ciò che credo, signore, è che le cose belle succedono a coloro che lavorano come dei pazzi, e che le brave persone come lei, che raggiungono la vetta della montagna, non ci sono capitate per caso. Il mio motto è: se vuoi vincere la lotteria, guadagnati i soldi per il biglietto”. Così arringa Louis Bloom (il bravissimo Jake Gyllenhaal, nelle foto ai lati), all’inizio del film, rivolto a un becero capo cantiere cui sta vendendo della rete di recinzione rubata, sperando comunque di ottenere da lui anche un’opportunità di lavoro “serio”. Qualunque lavoro, ritornello cui il trentenne medio attuale è dolorosamente abituato (evidentemente, anche negli USA come in Italia). Anche un dannato stage non retribuito per iniziare a farsi apprezzare.

articles10_losciacallo_1.jpg


Ma, ancora una volta, il suo ottimismo da business school frana contro il realismo del capo operaio: “vuoi che assuma un fottuto ladro?”, gli risponde subito dopo averlo strozzato sul prezzo al chilo del rame.

articles10_losciacallo_3.jpg

È così che, tornandosene in auto in un’altra notte di magra, Lou viene folgorato dall’ispirazione: si ferma a curiosare un incidente stradale, in cui due poliziotti cercano di estrarre una guidatrice dalla sua auto prima che ci bruci viva, e vede un cameraman indipendente riprendere la scena, lo ascolta proporla telefonicamente in diretta a un’emittente televisiva… il dado è tratto: baratterà una bici rubata con una videocamera e uno scanner radio per intercettare le frequenze della polizia e arrivare a caldo su incidenti, risse, sparatorie, insomma dove scorre il sangue, per riprendere drammi da vendere al miglior offerente.

articles10_losciacallo_2.jpg

Perché questo è ciò che “va forte” nei telegiornali delle emittenti locali di Los Angeles: l’attempata panterona della cronaca nera della KWLA Rene Russo (con Jake-Lou nella foto a destra), sua prima committente, definisce il suo telegiornale come “una donna che urla in strada con la gola tagliata”. Il sangue fa audience, come aveva spiegato a Lou il primo cameraman sul primo incidente. E lui, come dice di sé nel suo perenne, tragicomico slang “da colloquio con head hunter”, è uno che impara in fretta.

articles10_losciacallo_4.jpg

In breve diverrà un vero blood hunter, una jena del giornalismo trash sempre con l’obiettivo puntato su ferite fresche, raccontabili in tv con i toni urlati del finto allarme sociale costruito a tavolino (“non è notizia una rapina a Compton, ma se una famiglia bianca benestante viene rapinata nella sua villa in un quartiere bene, da poveri o minoranze etniche”). Arriva a spostare i cadaveri perché rendano meglio in ripresa (foto qui sotto a destra)... Finché una notte arriva il vero scoop: una strage in una villa-bene in un quartiere-bene (più in basso a sinistra).
Perfetta. E Lou ci capita durante la sparatoria, prima ancora della polizia, riprende i morti, il sangue… persino gli assassini che scappano.

articles10_losciacallo_6.jpg

Ma Lou – definisce il suo personaggio lo stesso Gyllenhaal – “è un coyote. È in costante ricerca e fruga sperando di trovare UNA qualsiasi cosa”. Ora l’ha trovata e ha anche imparato a spolparla a dovere: non rivelerà subito l’identità degli assassini, perché vuole programmare lui quando far accadere questo secondo scoop. E naturalmente essere l’unico sul posto a riprenderlo.

articles10_losciacallo_5.jpg

“È sempre affamato e pronto a distruggere qualunque cosa gli ostacoli il cammino”, dice l’attore. “Riuscirà nella sua impresa a qualsiasi costo”. Anche essere a propria volta responsabile di uno spargimento di sangue innocente, purché questo accada sotto il suo obiettivo famelico.

Visto pochi giorni dopo l’immenso Interstellar dall’epico afflato cosmico e filosofico (dal quale non potrebbe essere più antipodico), Lo Sciacallo è un “piccolo film” (tanto quanto l’altro è “grande” e ambizioso), parimenti riuscito nel suo perfetto mix di cinismo e situazioni divertenti (dal ritmo impeccabile) desunte dal quotidiano; e altrettanto necessario per capire dove finisce la nostra vita alimentando la cultura della “flessibilità” totale del lavoro, del “cogliere le opportunità” e degli altri patetici slogan con cui si traveste da autoaffermazione la jungla cui abbiamo lasciato ridurre la nostra civiltà.

Ma è una riflessione che nel film sgorga sempre sorridendo, anche se amaramente. Da vedere (in sala dal 13 novembre).


Mario G

Last modified on Friday, 07 November 2014 15:16
Rate this item
(0 votes)
Website Security Test