Print this page

Cloud Atlas - grumi d'umanità nel tempo

Written by  13 Jan 2013
Published in Cinema
Read 6256 times
Gli stessi attori impersonano personaggi diversi in un groviglio di storie dall’800 al 2300 nell’ambizioso film by Watchowsky Bros & Tykwer, tratto dal complesso romanzo di Mitchell.

 


 

Ci sono film che creano un immaginario: gli effetti inventati per Matrix segnarono uno spartiacque per il cinema d’azione venuto dopo e i trench neri ce li ritroviamo fino ad Underworld. Altri magari no, ma si possono definire col motto americano “larger than life”. Ecco, Cloud Atlas (locandina italiana in apertura, un poster internazionale sotto a destra) non darà vita a un mondo immaginifico inedito ma è certamente uno di questi ultimi.

articles8_cloud-atlas-poster-2.jpg

Film indipendente fra i più costosi della storia, pare sui 102 milioni di dollari forniti da produttori tedeschi senza interventi di major hollywoodiane, l’opus magnum diretto dai Watchowsky Bros. con Tom Tykwer (regista di Lola Corre e Il Profumo) snoda per quasi tre ora una trama articolata in sei segmenti diversi. Impossibile da riassumere, può essere utile affrontarla con l’aiuto del bignami offerto da Wikipedia (anche se scritto un po' sommariamente).

Tratto dal romanzo L’Atlante delle Nuvole di David Mitchell (Frassinelli), su cui vi riporto QUI l’efficace recensione di Mangialibri, il film è sceneggiato dagli stessi registi, mentre Panorama ci informa che è stato lo scrittore a suggerire il passaggio dalla matematica struttura del libro (in cui i segmenti procedono con ordine 1-2-3-4-5-6-5-4-3-2-1) a quella “a mosaico” del film, in cui essi procedono parallelamente, spesso scivolando l’uno nell’altro, e noi spettatori veniamo continuamente rimbalzati fra gli avvenimenti ambientati nel 1849, quelli del 1936, del ’73, del 2012, quelli nel futuro prossimo (2144) e in quello remoto (2321).

articles8_cloud_atlas-6.jpg

Complica ulteriormente – ma deliziosamente – la visione la chicca per cui il medesimo cast stellare (Tom Hanks, Halle Berry - insieme nella foto a sinistra - Hugo Weaving, Hugh Grant, Susan Sarandon, Ben Whishaw i principali) figura in tutti gli episodi, interpretando ogni volta personaggi diversi, buoni, cattivi, giovani o vecchi, talvolta anche en travesti.

Una scelta, quella di considerare i ruoli come “ceppi genetici” che si possono sviluppare in diverse direzioni, sia maschili che femminili, che sicuramente risente anche del cambiamento di sesso attraversato da Larry/Lana Watchowsky fra Matrix Reloaded e Cloud Atlas: uno/a che di certo non ha esitato ad esplorare le più distanti possibilità dell’essere!

articles8_cloud_atlas-5.jpg

Ultima precisazione strutturale: non ho letto il libro di Mitchell quindi non so dire se la brillante definizione di “ibrido mutante tra La macchina del tempo di H.G. Wells e Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino” gli calzi, ma va detto che per il film non è del tutto corretta. Una struttura complessa può essere anche un elemento predominante dell’opera, ma ciò non la trasforma automaticamente in metanarrativa.

articles8_cloud-atlas-2.jpg

Infatti, l’intricata struttura di Cloud Atlas non rimanda a una riflessione sui meccanismi del narrare (letterario o filmico), ma a un preciso discorso filosofico scientifico sul mondo e l’umanità, peraltro chiaramente esposto (e ripetuto) dal personaggio Somni-451 (foto a sinistra e raggomitolata in cella sotto a destra): “La nostra vita non ci appartiene. Dal grembo materno alla tomba, siamo legati agli altri. Passati e presenti. E da ogni crimine, e da ogni gentilezza, generiamo il nostro futuro”. Come anche, si capisce, da ogni incontro, connessione o accadimento che si verifica nel corso del nostro transito terreno.

articles8_cloud_atlas-7.jpg

Ritornano le implicazioni della fisica quantistica, vera protagonista del fantastico contemporaneo (Strade Perdute, Mulholland Drive, Inception, Holy Motors…) in un concetto ben preciso: la vita non è un fatto individuale ma relazionale. In pratica, tutto è connesso con tutto (di qui il sottotitolo del film) e ogni battito d’ali di farfalla nel sistema genera le sue conseguenze nel tempo e nello spazio. E questa non è metanarrativa.

Certo, si potrà dire che le sei storie, esposte in forma lineare, sarebbero state meno interessanti che non così intrecciate (ma l’obiezione varrebbe anche per Pulp Fiction, per esempio); oppure, che la filosofia sciorinata indulge qua e là a qualche ampollosità new age (“l’amore sconfigge la morte”), ma un film non è un trattato di filosofia e comunque la stessa obiezione non ha impedito a Matrix di essere uno dei fenomeni filmici a cavallo del 2000.

Cloud Atlas, fra i temi di spessore, rispetto a Matrix allarga i conflitti del singolo contro il potere e le sue diverse forme di oppressione messi in scena: razziale, omofoba, corporativa, totalitaria, eugenetica, al dunque ogni protagonista si schiererà in difesa della libertà e dell’autodeterminazione, se serve fino al sacrificio finale.

articles8_cloud_atlas-003.jpg

Film connettivista quanto mai ce n’è stato uno (sicuramente ci si tornerà in un prossimo NeXT), Cloud Atlas è anche un ottovolante fra i generi: melodramma storico, sentimentale, thriller eco-cospirazionista, commedia, fantascienza cyber e apocalittica. Cui non mancano pure le citazioni colte dai classici della fantascienza cineletteraria per ingolosire i fan: Somni-451 ricorda il Fahreneit di Bradbury, l’onironauta Castaneda è omaggiato dal ricercatore nella storia del 1973, mentre Soylent Green (Harry Harrison/Richard Fleischer) è citato direttamente da Cavendish all’ospizio e indirettamente nell’alimentazione cannibalica dei cloni. Lo stesso Matrix aleggia nelle scene d'azione a neo Seoul (foto a sinistra) come nell’individuazione in Somni-451 di una sorta di “eletta” da parte del Generale della resistenza.

Ma ora proviamo a rispondere alla domanda rimasta sospesa all’inizio (come nella struttura del film): perché i Watchowsky non son riusciti a creare anche ora un immaginario distintivo e originale, come riuscì loro nel capolavoro del ’99?
Budget insufficiente per le sovrumane ambizioni del plot? Forse la risposta è ancora connessa alla struttura: sei storie in tre ore significa circa mezz’ora a storia; nel tempo di un medio metraggio ogni ambientazione dev’essere immediatamente riconoscibile e caratterizzata.

Forse è per quello che, riferendoci in particolare ai segmenti fantascientifici della trama, il futuro del 2144 appare un po’ un videogame costruito con troppa CGI e quello neo primitivo del 2321 ricalca i cliché post apocalittici alla Mad Max coi selvaggi cattivi pittati.

articles8_cloud_atlas-4.jpg

Comunque sia, se non farà storia a livello visivo come ci si aspetterebbe dai suoi autori (ma che poesia onirica immagini come quella qui a destra delle ceramiche infrante al ralenti!), Cloud Atlas resterà come uno dei titoli memorabili dell’appena iniziato 2013, meritando uno spazio sullo scaffale “2000-oggi” del fanta-fan alla stessa altezza di altri titoli “larger than life” – spettacolari quanto discussi e anche accusati di magniloquenza – come Avatar, Inception e Prometheus.

Vedetelo senza esitazione. A mente connessa.


Mario

Last modified on Sunday, 13 January 2013 22:57
Rate this item
(0 votes)
Login to post comments
Website Security Test